Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca Puccini e la sua Lucca

Orchestra Filarmonica di Lucca: grandi successi ed un futuro radioso

 “Puccini e la sua Lucca Festival”

Comunicato stampa
 
Orchestra Filarmonica di Lucca: sold out per la prima fase di concerti.
Il bilancio è ancora tracciato a metà: ondata di prenotazioni per le grandi esibizioni di settembre e ottobre. Ospiti d'eccezione, beneficenza, prime nazionali: la soddisfazione di Andrea Colombini
 
Tempo di tracciare bilanci, seppur ancora parziali, in casa “Orchestra Filarmonica di Lucca”: il creatore e direttore principale della stessa, Andrea Colombini, ed i musicisti che la compongono, hanno chiuso con un enorme successo la prima fase dei loro concerti.
Le serate complessive, sin qui, sono state ben sette: in ogni circostanza si è verificato il sold out nella splendida cornice della Chiesa dei Servi. Numeri emblematici, indicatori tangibili di un riscontro di pubblico incontrovertibile che giova anche e soprattutto al nome della città e di quel suo pilastro che è Giacomo Puccini. Sette serate di grande musica e di grande cultura per la città e per i suoi (molti) visitatori internazionali.
Nell'articolato novero spiccano ben due prime esecuzioni italiane di un grande compositore come Ralph Vaughan Williams, concerti di grande successo di critica e di pubblico, un grande numero di splendidi talenti lucchesi inclusi nell'orchestra e progetti per il futuro che vanno da esibizioni a Venezia e Vienna (col ritorno al Musikverein, nella Sala d'Oro degli Amici della Musica per il 20 dicembre prossimo)  ad una stagione 2015 con 15 nuove produzioni e grandi capolavori da eseguire. Al timone ci sarà sempre la bacchetta di Colombini, per una programmazione ambiziosa che prevede, ad esempio, il Requiem Tedesco  e l'Integrale delle Danze Ungheresi di Brahms, la Rapsodia in Blue di Gershwin e il Bolero di Ravel,Il Requiem e le Ultime Tre sinfonie di Mozart in un' unica serata e una Notte dedicata a George Frederic Handel. Ancora:  tanti gala dedicati a Puccini, Verdi e Wagner e l'opera in generale, la Quinta e la Terza sinfonia di Beethoven, i Quattro Ultimi Canti di Richard Strauss (questi ultimi sotto la bacchetta del direttore ospite per la stagione 2015, Beatrice Venezi) e due grandi serate dedicate alle musiche dai Film di Spielberg, a firma di John Williams, e Kubrick. E in più tanti altri capolavori per un totale di 15 produzioni per il 2015.
Le buone notizie tuttavia non finiscono qui: la stagione 2014 scalda ulteriormente i motori per i grandi concerti previsti a Settembre e Ottobre 2014. Ecco dunque il ritorno delle Scots Guards per un gran gala con orchestra, il gala lirico della Santa Croce dedicato a Puccini, la Notte di Tango con il gruppo Hyperion ed i Tangueros da Buenos Aires (quest'ultimo patrocinato dalla Fondazione CRL e che si svolgerà nella chiesa di San Francesco) e il 4 ottobre l'attesa riproposizione del cavallo di battaglia dell'Orchestra Filarmonica e di Colombini, ovvero la monumentale Ottava sinfonia di Anton Bruckner per cui l'orchestra arriverà a più di 100 esecutori sul palco.
Una congerie di fattori, quelli in parola, che esitano nell'inevitabile soddisfazione di un Andrea Colombini comunque sempre pronto a rilanciare, perché il consenso ottenuto da 10 anni a questa parte è il frutto di un'attività incessante: "Una stagione di successi e di soddisfazioni, perché abbiamo creato un'orchestra di livello, con un repertorio di livello, che si affianca all'orchestra del Maggio Musicale per la scelta del repertorio, che nessun altra formazione in Toscana può permettersi a parte, appunto, noi ed il Maggio. E con una qualità testimoniata da DVD e CD prodotti che è veramente sorprendente e che farà conoscere ancora di più, in Italia e nel mondo, la nostra realtà orchestrale", sottolinea Colombini
Il presidente e direttore artistico del “Puccini e la sua Lucca Festival" continua a calare assi sul tavolo: “Sono lieto di invitare ogni anno un direttore ospite che si prenda cura di una delle produzioni previste: quest'anno sarà la volta di Stefano Adabbo che dirigerà a Novembre la Seconda Sinfonia di Brahms e il Concerto per Pianoforte di Ciaikowsky con alla tastiera una delle grandi rivelazioni del pianismo italiano, l'appena 22enne Tiziano Rossetti.E,come per tradizione, grazie all'intervento della Fondazione Banca del monte di Lucca e della Fondazione CRL, l'ingresso a tutti i concerti sarà sempre gratuito per tutti i residenti di Lucca e Provincia”.
 
Siccome poi il riscontro di pubblico comporta responsabilità ulteriori, la Filarmonica di Lucca e Colombini hanno deciso, come sovente è accaduto nel recente passato,di dedicare ogni concerto alla raccolta fondi per una particolare opera di beneficenza: dalla Fondazione Arno, presieduta da Andrea Bocelli - a cui verrà dedicato il concerto del 14 settembre - ad Amnesty International, passando per il Centro Anziani di Sant'Anna fino alla Fondazione Insieme. Tutto questo per plasmare un connubio virtuoso tra la grande cultura, made in Lucca, e la necessità di dar voce alle istanze dei più deboli.
“Rinnoviamo l'invito al sempre più numeroso pubblico lucchese a seguirci costantemente – conclude Colombini - supportando con la propria gratuita presenza questa meravigliosa realtà culturale cittadina e toscana che è l'Orchestra Filarmonica di Lucca, la quale si vanta di non ricevere alcun contributo da enti pubblici, recando al contempo un servizio inimitabile e straordinario per tutta la collettività".      
 
- -
Ufficio stampa “Puccini e la sua Lucca festival”
dott. Paolo Lazzari
cell: 3405103312
mail: festivalpuccinielasualucca@gmail.com
Inserito il 19 June 2014 .

ELENCO COMUNICATI STAMPA